Questa versione di Joomla 1.0.11 viene rilasciata da www.joomlaitalia.com in lingua italiana sia backend che frontend.
 
Home arrow Agricoltura
Agricoltura

Fortuna che esistono delle persone che a dispetto di questo sistema di consumi, parlano, si confrontano ma soprattutto agiscono per promuovere stili di vita che siano alternativi, semplici e più rispettosi delle persone e dell'ambiente. Sento spesso dire, in questi giorni dell'inizio della crisi economica, che la globalizzazione è come una piena dalla quale non c'è via di scampo.

Ma se questa piena, creata per mano dell'uomo, avviene a discapito del Pianeta stesso, delle sue risorse, allora dovremmo tutti rassegnarci all'idea di autodistruggerci?

Fortuna che esiste un'umanità che si sta diffondendo a macchia di leopardo, silenziosa ma con una grande volontà di opporre resistenza allo stato delle cose. Perchè per queste persone, non esiste che una maniera di essere umani e per questo è bene lottare anche le battaglie più difficili da sostenere. 

Trovate qui alcuni link che vi consiglio di consultare affinché grazie a questi uomini e donne, sia possibile trovare una via d'uscita, scampare alla catastrofe, rallentare la corsa verso il precipizio.

 

Civiltà contadina portale italiano sulla salvaguardia della biodiversità rurale.

 

People and Planet un portale inglese dedicato ai temi della salute degli uomini e del pianeta.  

 

Center for Ecoliteracy un portale americano dedicato all'educazione per un vivere sostenibile.

 

Envirolink un portale di portali di tutto il mondo che trattano le questioni ambientali.

 

Bioneers un portale americano per trovare soluzioni innovative ai problemi ambientali.

 

Friends of the Earth portale inglese per migliorare la vita delle persone a partire dalla salvaguardia ambientale.



Frutta a scuola con la Coldiretti

 Image

La notizia su Coldiretti: Contro l'obesità infantile arriva la frutta a scuola con la distribuzione gratuita di una merenda “naturale” a quasi 800.000 alunni delle primarie in tutte le Regioni e nelle Province Autonome per effetto del piu' vasto programma comunitario per la distribuzione gratuita di frutta nelle scuole mai realizzato fino ad ora. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare lo studio condotto in alcuni paesi europei che ha evidenziato che in Italia i piccoli da 3 a 6 anni sono quelli con il maggiore tasso di sovrappeso e obesita' infantile (21,2%, contro il 14,3% della Danimarca e il 17,1% della Polonia), secondo il Movimento Difesa del Cittadino.

Ricordiamo a tutti che noi di SALVALATERRA siamo specialisti in Orti Didattici. Non esitate a contattarci!

Leggi tutto...
 
1 cal di cibo =7 cal di energia da fonti fossili

 Image

Dall'esperienza di Todmorden, che entro il 2020 vuole trasformare ogni aiuola del paese in orticello, alla nuova avventura del Comune di Bologna per curare giardini e parchi col metodo di agricoltura biologica e biodinamica. Sono tutte esperienze che preannunciano un cambio di rotta in campo agricolo.

L'agricoltura tradizionale, infatti, è insostenibile e deve cambiare maniera di produrre il cibo e di curare le piante in seguito alla riduzione dei combustibili fossili disponibili:per ogni caloria di cibo prodotta se ne spendono 7 derivate dall'utilizzo di fonti fossili;

Pertanto il Post Carbon Institute ha provato a indicare le caratteristiche di un'agricoltura che non utilizza le fonti fossili di energia nello studio The Food and Farming Transition: Toward a Post-Carbon Food System 


Approfondimenti su comunivirtuosi.org

 
Perchè le api muoiono?

 Image

Cosa sta accadendo alle api? Decine di apicoltori del centro nord Italia lamentano la perdita di migliaia di alveari. Le api non soltanto producono miele ma sono indispensabili nell'agricoltura per l'impollinazione di numerose colture come peschi, albicocchi, mandorlo, ciliegi etc. Il problema non riguarda soltanto la riduzione della specie ma soprattutto le ripercussioni economiche di tale fenomeno che compromettendo le produzioni avrà come conseguenza il rincaro dei prezzi dei prodotti ortofrutticoli.

 Le cause della morte delle api sono diverse: in primo luogo la varroa che è un acaro parassita che si nutre dell'emolinfa delle api sterminando le famiglie. Poi l'utilizzo di pesticidi neurotossici, come quelli utilizzati per conciare i semi di mais, che uccidono le "bottinatrici" e lasciano nell'alveare solo le api giovani e le larve. Per saperne di più sull'argomento visitate questo portale che offre diversi spunti di riflessione sul fenomeno. Sui Neonicotinoidi il dossier 2007 di UNAAPI.

Leggi tutto...
 
Il mondo ha fame

Image 

Consumato il cenone della vigilia, il pranzo di Natale, quello di Capodanno ecco raggiungere la tavola imbandita dell'Epifania, non meno ricca e grassa delle precedenti abboffate. Parliamo di fame e lo facciamo con la FAO che denuncia un aumento nel 2008 della fame nel mondo dovuto all'incremento dei prezzi dei generi alimentari come si legge nei tre articoli di Articolo11.org.

Per alleggerire il taglio di questa notizia si sappia che secondo la FAO basterebbero 30 miliardi di dollari per eliminare la fame nel mondo, una cifra inferiore all'incremento di spesa annuale stanziato dagli USA per mantenere il suo apparato militare.

Informazioni sulle spese militari nel mondo le trovate nel sito della Rete italiana per il disarmo ControllARMI.

Per conoscere le banche che finanziano i conflitti leggete il report di Campagna Banche Armate.

 
Bayer e scomparsa delle api

 Image

Notizia ANSA:

Il 25 luglio il PM Raffaele Guariniello ha avvisato la Bayer di aver concluso le indagini sulla moria di api avvenuta negli anni passati. Il reato contestato è "diffusione di malattie degli animali pericolose per il patrimonio zootecnico e per l'economia nazionale". Il colpevole sarebbe Poncho, insetticida neonicotinoide molto diffuso in USA, vietato in Francia, proibito in Italia solo fino al 31 ottobre. Perché il divieto venga prorogato due apicoltori, Marisa Valente e Renato Bologna stanno facendo lo sciopero della fame. Sosteniamoli sottoscrivendo l'appello.
INFO: 334-3403464, 320-8310702, www.rfb.it/bastaveleni/adesioni.htm

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Pross. > Fine >>

Articoli correlati